Alegrías

Il mondo della musica è pieno di band e artisti inconcludenti che vagano da un genere all’altro senza trovare la propria strada. A un certo punto bisogna essere in grado di capire che nella vita si può fare anche un altro lavoro. Ma fortunatamente ci sono anche quelli che possono permettersi di esplorare generi e stili, riuscendo a produrre sempre qualcosa di buono. Howe Gelb è uno di questi ultimi: in oltre venticinque anni di carriera, da solo o con i Giant Sand o con i suoi tanti altri progetti, ci ha regalato ottimi album di folk, country, alternative rock, persino gospel, divertendosi spesso a mescolare le carte in tavole per lasciarci spiazzati e piacevolmente sorpresi. Il suo ultimo album, intitolato Alegrías e pubblicato dalla Fire Records a nome Howe Gelb and A Band of Gypsies, sovrappone suggestivamente il suono polveroso dell’Arizona (Gelb è di Tucson) con il passionale flamenco gitano dell’Andalusia. Registrato a Córdoba, Spagna, insieme a un gruppo di virtuosi della chitarra fra i quali spicca Raimundo Amador, non è per niente un disco di musica tradizionale. Alegrías è autenticamente un disco di Howe Gelb: i chitarristi spagnoli si sono adattati perfettamente al suo mondo sonoro, probabilmente grazie a una condivisa curiosità per l’altrove (fisico o musicale) e a un’innata attitudine girovaga. Nove tracce sono rielaborazioni del repertorio dei Giant Sand, altre quattro sono inedite, ispirate dalla città di Córdoba. Gelb canta con la sua inconfondibile voce ruvida e leggermente nasale, viaggiando insieme alla Band of Gypsies lungo una strada sabbiosa che incontra le atmosfere jazzy della romantica “The Ballad of Lole y Manuel”, la morbida bossa di “Where The Wind Turns The Skin To Leather”, l’indie-folk chicano di “Cowboy Boots on Cobble Stone”, il country moderno di “Notoriety” e molto altro. Prodotto da Howe Gelb insieme a Fernando Vacas, l’album è stato mixato a Bristol da John Parish, che ha saputo dare il giusto equilibrio alle due anime del progetto. Consigliato per una serata romantica di fine estate.

Alegrías (Fire Records)

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s