Portamento

Dopo poco più di un anno The Drums tornano con un nuovo disco, dal titolo molto raffinato, e ovviamente siamo tutti ad aspettarli al varco (“il secondo album è sempre il più difficile nella carriera di un artista” diceva qualcuno). Rispetto all’esplosivo ep di debutto Summertime! e all’album omonimo ci sono stati cambiamenti nella formazione e, di inevitabile riflesso, nel suono e nell’atmosfera. Rimangono Jonny Pierce, cantante e autore principale della band, e il chitarrista Jacob Graham, che però si è spostato ai sintetizzatori dopo il passaggio del batterista Connor Hanwick alla chitarra, dovuto a sua volta alla burrascosa dipartita dell’altro chitarrista Adam Kessler. Insomma, sembra intricato, ma in realtà è molto semplice: la batteria è stata sostituita dalla drum machine. Certo, non è solo questa la differenza rispetto al passato, l’evoluzione c’è stata e si sente. Magari mancano i singoli folgoranti che li avevano lanciati, però il disco è più equilibrato e solido nei suoi elementi. Di quel surf-pop spensierato e cinematico degli esordi restano davvero poche tracce, ma per fortuna non si è perso il carattere (vincente) fortemente pop delle melodie. Invece, qui scopriamo un’anima più scura e, in un certo senso, europea, alla quale contribuiscono l’uso dei synth e una scrittura più introspettiva. Se possiamo sentirci gli Smiths (qui più che in passato, nonostante i paragoni sprecati un po’ dappertutto tra Pierce e Morrissey), troviamo anche echi di New Order e Kraftwerk, bilanciati da un’autoproduzione accurata e memore di tanti ascolti “giovanili”. Probabilmente “Money” non sarà scelto per lo spot di un’automobile, ma è un singolo che funziona, e Portamento mi sembra il disco giusto per iniziare l’autunno.

Portamento (Moshi Moshi/Cooperative Music/Self)

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Portamento

  1. claudiagalal says:

    Tutto nella scatola magica… hihihi…

    Like

  2. ilpeppa says:

    Me lo devi far sentire! E anche quello di Matthew Herbert, dove l’hai imboscato??

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s