A/B til Infinity

Dicembre è arrivato, finalmente. Il Natale si avvicina e, secondo la variopinta cultura occidentale, dovrebbe portare gioia e serenità a tutti quanti. Non illudiamoci, sappiamo che non è così. Dicembre non è affatto un mese rilassante: contratti in scadenza, tasse da pagare, soldi che non bastano mai e troppi regali da fare, temperature polari e autostrade imballate, pure le primarie del PD.
Il buon senso suggerirebbe di ascoltare qualche compilation zuccherosa di bianchi natale e campanelli tintinnanti, ma forse è meglio lasciare che la nostra mente accolga il suono dell’ansia e dello stress. Il nuovo disco di Egyptrixx, A/B til Infinity, è proprio questo.
Pioggia battente, sirene spiegate, suoni metallici, effetti e distorsioni, cellule ritmiche ripetute allo sfinimento e la sensazione di essere presi in un destino ineluttabile, come dentro la trama di un film post-apocalittico che non lascia intravedere vie d’uscita. Il percorso costruito dal produttore canadese è inquietante e claustrofobico, i suoni concreti sbattono contro le basi elettroniche, uscendone deformati e inquietanti o semplicemente ansiogeni. Chi è il “Bad Boy” ricercato dalla polizia? Chi o che cosa ci colpisce alle spalle con un’avveniristica arma letale in “Adult”? Solo verso la fine ci ricordiamo che “My Life is Vivid, My Eyes are Open”, ma è molto difficile, il disagio è più forte.
Non sarà il disco da mettere durante il pranzo di Natale, è chiaro, ma ci aiuterà ad arrivare alle feste con la consapevolezza che le nostre ansie non vanno banalmente cancellate a forza di alberelli e lucine colorate, ma devono essere trasformate in nuovi stimoli per l’anno che verrà. Sentire davvero il suono del nostro malessere può essere utile, così forse eviteremo di “sentire le voci”. A/B til Infinity è la rappresentazione fedele di quest’epoca inquieta e post-moderna, ma per certi versi assolutamente primitiva.

A/B til Infinity (Night Slugs)

A/B til Infinity (Night Slugs)

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s