Just Be Free

Dopodomani sarà ufficialmente estate per il calendario e gli esperti dicono che arriverà un’ondata di caldo africano dopo questi giorni di quasi autunno. Non aspetto altro. Con il clima giusto, le alte temperature e l’aria di vacanza, ogni sera sembra quella giusta per fare festa, soprattutto se c’è da esultare per una vittoria della Nazionale ai Mondiali, per la fine degli esami (ah, beata gioventù) o per un banale compleanno.
Ma per fare festa ci vuole la musica giusta, non si può lasciare la selezione al caso o, peggio, a qualcuno con dei gusti di merda.
Il mio primo consiglio per un party di sicuro successo è Just Be Freeil nuovo album di Big Freedia. Personaggio stravagante, diva luccicante nella vita notturna di New Orleans, protagonista anche di un reality show (Queen of Bounce su Fuse Tv), Big Freedia è una vera star. Potente e carismatica, riesce a essere elegante anche in un fisico non proprio minuto e, soprattutto, muove il sedere che Miley Cyrus nemmeno dopo un anno di ripetizioni. Nel suo metro e ottanta di appariscente ambiguità, è una regina nera e affascinante.
Se finora la sua bounce music è sembrata più adatta alla sudaticcia scena underground, dove il twerking non ha mai fatto scalpore, Just Be Free potrebbe finalmente lanciarla verso un pubblico più ampio grazie alla revisione stilistica operata dal suo produttore di sempre Blaq’N’Mild insieme a Thomas McElroy, già al lavoro con Madonna e Raphael Saadiq. Qui il vocabolario sonoro e vocale di Big Freedie si espande e guadagna nuove sfumature, come rap più aggressivi, bassi profondi, breakbeat durissimi e fiati lo-fi, mescolando suggestioni diverse e affidando alla cassa dritta il compito di ipnotizzare le masse.
Il primo singolo estratto, “Explode”, è un chiaro ordine che nessuno potrà fare a meno di seguire. E come dice Big Freedie: “Questo è un disco da mettere molto tardi durante un twerk party oppure è perfetto per una grigliata in giardino”.

Just Be Free (Queen Diva Music)

Just Be Free (Queen Diva Music)

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s