Here Comes Now

John Lennon diceva che la vita è quello che ti succede mentre sei impegnato a fare altri progetti. Non solo sono d’accordo, ma penso che l’album Here Comes Now di Stephon Alexander & Rioux ne sia una prova abbastanza significativa.
Erin Rioux è un produttore newyorchese che ama il lato psichedelico della musica dance. Stephon Alexander, originario di Trinidad, è un affermato professore universitario e astrofisico di fama, ma è anche un grande sassofonista. Nell’anno sabbatico che si era preso dall’università di Dartmouth, Alexander aveva deciso di trascorrere l’estate a Brooklyn, dove ha incontrato Rioux per caso in un bar. Immagino che, sempre per caso, si saranno messi a chiacchierare e, saltando le frasi di circostanza sul meteo, saranno passati in fretta ad argomenti più interessanti. Insomma, dopo qualche ora erano già nello studio di Rioux a registrare musica.
Il risultato di quel pomeriggio è una traccia dance afro-caraibica e psichedelica inframmezzata dalla voce profonda di Alexander che racconta in spoken-word la nascita dell’universo. “A Brief History of Time” è il cuore dell’album che poi hanno deciso di realizzare insieme, affrontando temi apparentemente pesanti – l’esplorazione dello spazio e del tempo, il nostro posto nell’universo, il rapporto tra musica moderna e scienza – con eleganza e leggiadria.
Con lo sguardo rivolto a Sun Ra e Brian Eno, Here Comes Now è una miscela audace di jazz cosmico, elettro-funk e disco music evoluta. Costruito su un tappeto di beat morbidi e improvvisazioni coinvolgenti, con sintetizzatori delicati e batterie a reggere una struttura arricchita da lunghi assoli di sassofono e qualche breve riff, è il disco perfetto per stimolare la produzione di buone idee e pensieri importanti.
Doveroso l’omaggio a Ornette Coleman (“Ornette’s Vortex”) ed efficace il contributo di Arto Lindsay (“I Guess We’re Floating”), che rientra nella schiera dei collaboratori prestigiosi insieme all’art director Diego Cortez (sì, quello che ha lavorato con Andy Warhol e Jean-Michel Basquiat).

Here Comes Now (Connect)

Here Comes Now (Connect)

Here Comes Now esce il 4 agosto per l’etichetta dello stesso Rioux, la Connect. Intanto si può ascoltare “A Brief History of Time”.

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s