Nossa Gang

Se avessi sedici anni, vorrei essere esattamente come loro, le Pearls Negras.
Brave, belle e toste, Alice, Jemi e Mari sono tre adolescenti di Vidigal, una favela di Rio de Janeiro che dall’alto del Morro Dois Irmãos guarda Ipanema e Copacabana.
Nonostante la giovane età (più o meno 17 anni) hanno lo sguardo deciso di chi sa dove vuole andare. Si muovono e rappano con sicurezza da veterane, forse perché la vita nello slum le ha fatte crescere in fretta e senza complimenti.
L’hip hop tropicale delle Pearls Negras si basa su testi aggressivi e ritmi brasiliani, tanto groove e bassi profondi che riflettono la quotidianità tumultuosa del grande Paese in profonda contraddizione con se stesso, tra crescita economica e impoverimento dei suoi abitanti, architetture ultramoderne e baraccopoli.
Qui potete ascoltare il loro nuovo mixtape, Nossa Gang (“la nostra gang”), meno di venti minuti per sette tracce tirate e coinvolgenti che mischiano Baile funk, bossanova e bounce. Vi sfido a tenere il culo sulla sedia.

 

Le tre ragazze sono anche le protagoniste di un breve documentario diretto dal regista carioca Kayhan Ozmen, Pearls Negras: The Girls from Vidigal.
“Rappresentano la nuova generazione brasiliana che è nata nelle favela, ma adesso ha contatti con tutto il mondo attraverso internet e i social media. Questo si riflette nella loro visione del mondo, che va molto oltre le baraccopoli. Vidigal è una comunità di artisti e musicisti pieni di talento, le ragazze assorbono tutto quello che può offrire dal punto di vista creativo.”

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s