#iostoconsherwoodfestival

Apprendo con rabbia e dispiacere che lo Sherwood Festival di Padova è in pericolo a causa della ristrettezza mentale e dell’ignoranza degli Assessori Saia e Rampazzo, che all’ultimo consiglio comunale del 20 ottobre 2014 hanno annunciato la volontà di spostare la manifestazione in zona industriale e di imporre la riduzione della sua durata.
Considero un privilegio l’aver collaborato in questi anni con Sherwood: conosco le persone che ci lavorano e che organizzano il festival, dove ogni anno non vedo l’ora di tornare. Per tante ragioni #iostoconsherwoodfestival e spero che questa spaventosa ipotesi non si verifichi mai.
Di seguito pubblico la nota pubblicata in proposito sul sito di Sherwood.

Caparezza_Actual_20140627_Sherwood_Festival_101_PhFrancesco_Boz-199_2

Spostare il Festival in zona industriale e ridurne la durata: in una parola “chiuderlo”

Ieri sera durante il consiglio comunale, interrogati dal consigliare comunale leghista, di ritorno dalla manifestazione “Stop invasione” di sabato scorso a Milano, gli Assessori Saia e Rampazzo hanno annunciato che si sta valutando la possibilità di spostare in zona industriale e accorciare lo Sherwood Festival.

Dopo le uscite deliranti su “degrado”, sicurezza e profughi, è partito, infarcito di falsità, pretestuosità e presunte incompatibilità, l’attacco allo Sherwood Festival.
Ce l’aspettavamo e puntuale è arrivato.

Queste ipotesi per noi sono inaccettabili.

Quello che fa paura a Saia & c. è la riuscita della nostra manifestazione, diventata un appuntamento musicale e culturale attraversato da un pubblico trasversale che coinvolge tutta la città ed è diventato nel tempo uno dei più importanti festival a livello nazionale.

Il nostro festival è perfettamente in regola da ogni punto di vista e si svolge in totale sicurezza per le migliaia di persone che ogni sera lo frequentano.

Un festival che ha sempre rivendicato la propria indipendenza, che non ha mai avuto nessun tipo di finanziamento, né pubblico né privato, che non è mai stato agevolato da nessuna amministrazione.

Un festival che si basa sul lavoro volontario di centinaia di giovani padovani e non che collaborano gratuitamente per la sua riuscita.

Un festival che paga il suolo pubblico che utilizza e che in questi anni ha garantito, a proprie spese, anche la manutenzione dell’area.

Un festival che è sempre riuscito a convivere con i grandi eventi organizzati allo Stadio Euganeo garantendo la gestione e la sicurezza dell’area esterna.

La sua durata va a riempire un vuoto musicale e culturale durante il periodo estivo per migliaia di persone. Spostarlo in zona industriale non sarebbe altro che è un passaggio per ghettizzare ulteriormente la cultura, ma sopratutto la socialità di centinaia di giovani.

Lo Sherwood Festival è uno spazio pubblico vivo e reale in cui la musica, la cultura, lo sport, l’informazione, i dibattiti tentano di accorciare le distanze tra i punti di vista, cercano di indicare, tra le tante contraddizioni che vive la nostra società, un altro modo di vivere, di stare insieme, di vedere il mondo.

Nel deserto culturale e politico che questa giunta sta producendo a suon di divieti, proclami e ordinanze, invitiamo la città, i frequentatori del festival, gli artisti che vi si sono esibiti e tutti coloro che in questi anni hanno collaborato, a costruire insieme a noi una campagna a sostegno della foresta di Sherwood.

#iostoconsherwoodfestival

Per contatti e proposte:
info@sherwood.it
Sherwood Festival su Facebook e Twitter

PS. Seguiranno altre note perché in questa non riuscivamo a dire tutto.

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music, Uncategorized and tagged , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to #iostoconsherwoodfestival

  1. claudiagalal says:

    Questa è la terza nota di Sherwood.

    http://www.sherwood.it/articolo/4480/iostoconsherwoodfestival-3-nota

    #iostoconsherwoodfestival

    Like

  2. claudiagalal says:

    Questa è la seconda nota di Sherwood sulla proposta di spostare e accorciare il festival.
    http://www.sherwood.it/articolo/4474/iostoconsherwoodfestival-2-nota
    #iostoconsherwoodfestival

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s