Shawakish

Back to Egypt, anche se purtroppo soltanto con la mente. Ancora una volta, come piace a me, la scusa per tornare sull’altra riva del Mediterraneo è un disco: Shawakish (شواكيش) di Rami Abadir e Mostafa El-Sayed.
Rami Abadir è un tipo versatile. Scrittore e giornalista ma soprattutto musicista, compositore, produttore e manipolatore di suoni con la fissa dei sintetizzatori, ama mescolare analogico e digitale, beat ossessivi e strutture ripetitive, variazioni dinamiche, campioni ed effetti. Insieme all’amico musicista Mostafa El-Sayed porta avanti un progetto di improvvisazione dal vivo, fatto di synth, drum machine e loop, e reso ancora più suggestivo dalle forme astratte proiettate dall’artista visivo Islam Shabana.
La naturale evoluzione del lato performativo di questa proficua collaborazione non poteva che essere la registrazione di un album. Naturale perché rispetta la natura stessa del progetto e ricrea in studio le condizioni dell’improvvisazione, guidata dalle sensazioni momentanee dei musicisti, e la forma del live set davanti a un pubblico immaginario. Mancano le proiezioni, purtroppo, ma questo ci permette di chiudere gli occhi e vedere quello che sentiamo.
Il risultato è la somma di due sessioni registrate dal vivo al Ganoub Studio del Cairo, una corsa in macchina per le strade di una metropoli non meglio identificata, prima lanciati a tutta velocità su una highway a sei corsie e poi smarriti per le vie malfamate di una periferia buia. Sì, al nostro naso arrivano vaghi profumi d’oriente, ma in quale città del mondo non li troviamo? Come dentro a un videogioco, siamo pronti ad affrontare sfide continue in un crescendo dinamico per accedere al livello successivo e solo di tanto in tanto ci fermiamo a riprendere fiato per allentare la tensione.
Sono già d’accordo con Rami, alla prossima di Shawakish dal vivo ci sarò anch’io!

Shawakish, Rami Abadir & Mostafa El-Sayed

Shawakish (autoproduzione)

Se vi è venuta un po’ di curiosità, intanto potete ascoltare il trailer di Shawakish (شواكيش) di Rami Abadir e Mostafa El-Sayed.

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s