Ballads Of A Massacre

La strage di Charleston e l’arresto di quel giovane terrorista razzista (come purtroppo ce ne sono tanti) hanno messo in evidenza, con ulteriore forza, che la questione razziale negli Stati Uniti è ancora aperta. Il paradosso di un presidente nero che si trova ad affrontare la rabbia della comunità afroamericana per le violenze immotivate subite dalle forze dell’ordine e da alcuni gruppi sociali, è inquietante.
Fra le personalità che si sono esposte sull’argomento – artisti, intellettuali, attivisti – ci sono anche tanti rapper. Il nuovo album di Fong-Sai-U, intitolato Ballads Of A Massacre, non parla direttamente delle recenti rivolte, ma s’inserisce sicuramente nel dibattito sollevato dall’esplosione di questo grave cortocircuito.
A quattro anni dal debutto, A Soldier’s Story (2011), Fong-Sai-U torna a raccontare una vita difficile con le sue quotidiane battaglie. Baltimora, le sue strade e i suoi problemi, i guai dai quali sembra impossibile stare alla larga, la prigione e la redenzione attraverso la musica, sono ancora i temi chiave del lavoro del rapper e beatmaker cresciuto sotto l’ala protettiva di Black Thought dei Roots e del compianto Guru dei Gang Starr.
Ispirandosi alla golden age dell’hip hop, Fong-Sai-U punta su rime dure e taglienti e beat efficaci. Basi semplici e ritmi serrati, campioni estratti dall’immenso patrimonio della musica black, tracce di contaminazione fra generi: le diciannove tracce di Ballads Of A Massacre scorrono a gran velocità, compresi i contributi del rapper Dice Raw (“Dopamine”) e della cantante Res (“Remember Me”), mentre in chiusura risentiamo l’indimenticato Guru in “What’s Real?”.
Peccato che la copertina dell’album sia così brutta.

Ballads Of A Massacre, Fong-Sai-U

Ballads Of A Massacre (Death Chamber)

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s