I AKA I

Ashkan Kooshanejad è nato a Teheran, ma vive a Londra, dove ha richiesto l’asilo politico. È scappato dall’Iran, dopo essere stato incarcerato a causa della sua musica, considerata poco consona ai costumi e alle tradizioni nazionali.
I AKA I è il secondo album che esce a nome di Ash Koosha e il primo per la Ninja Tune, che lo ha accolto proprio quando la sua musica ha trovato la forma migliore, una forma speciale per tanti motivi umani e artistici.
Affascinato e incuriosito fin da bambino dalla propria sinestesia, ovvero la particolare capacità percettiva di “vedere” i suoni, Ashkan ha imparato negli anni a sfruttare questa contaminazione sensoriale per trattare i suoni ed esplorare le loro possibilità espressive, considerandoli una “materia fisica che può essere frantumata, liquefatta, ridimensionata e ricollocata nello spazio”.
Il lavoro di Ash Koosha si basa principalmente su field recording e campioni sonori, che manipola proprio come se fossero oggetti concreti da spremere, allungare, accorciare, distorcere e modellare. Unità sonore passate in un frullatore e poi ricombinate in maniera originale grazie a una personalità multiforme: prima di essere un produttore elettronico, Ashkan è un chitarrista rock e un musicista classico, diplomato al Conservatorio di Teheran, ma è anche un pioniere della realtà virtuale, un attivista politico, un esperto di software. Le sue tracce sono molto complesse e geometriche, eppure sprigionano un’umanità straordinaria, mescolando l’ispirazione classica, sia persiana sia occidentale, alla sperimentazione elettronica attraverso la creazione di movimenti musicali bellissimi e poetici.
In una ipotetica mappa dei più bei dischi di musica elettronica, potremmo collocare I AKA I di Ash Koosha nello spazio tra ISAM di Amon Tobin e Cosmogramma di Flying Lotus, in bilico tra fascinazione industriale e contaminazione di generi. Un’ottima posizione fra altre menti geniali, come Ashkan Kooshanejad si merita da tempo.

Ash Koosha, I AKA I (NInja Tune)

I AKA I (Ninja Tune)

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s