In the name of the students of the Third World

Abdullah Miniawy è un giovane saggio, il suo sguardo arriva lontano e il suo pensiero ancora di più. Lavora con il suono e con le parole, è un musicista e un poeta, uno scrittore di racconti e un filosofo sufi, un trombettista e un cantante.
Senza dubbio è un artista sensibile, sempre in movimento e impegnato su diversi progetti contemporaneamente, come se non volesse rischiare di rimanere imbrigliato da qualche parte.
Nel suo ultimo brano, che anticipa l’album di prossima uscita Attempts of the Middle, Abdullah Miniawy si rivolge ad altri ragazzi del cosiddetto “terzo mondo”, studenti come lui, e li invita a non rassegnarsi per la loro condizione di svantaggio né ad assumersi il peso di quelle scelte politiche ed economiche sbagliate che loro stessi subiscono per primi.

Un’emozionante poesia sufi scorre su un tappeto elettronico leggero e rarefatto, sul quale s’inserisce talvolta una malinconica tromba.

Qui trovate il testo in arabo: يا طلاب العالم الثالث

Ma ci sono anche la traduzione in inglese – Students of the third world – e in francese – Étudiants du tiers monde.

Students of the Third World

Students of the Third World (self-produced)

 

 

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to In the name of the students of the Third World

  1. Pingback: Darraje | thegreatmixtape

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s