For All We Know

Dalle retrovie alla ribalta, da corista a star. Sembra la trama di un film, invece è la storia della cantante londinese Nao, che a un certo punto ha deciso di emanciparsi dalla posizione arretrata da backing vocalist per raggiungere il centro della scena e lanciarsi in una carriera solista. E pare che abbia fatto bene, dato che il suo ep di debutto dell’anno scorso, February 15, ha ricevuto ampio consenso di pubblico e critica.
Ora per Nao è arrivato il momento di cimentarsi con un album vero e proprio, che s’intitola For All We Know e conferma tutto il suo talento, mantenendo la formula vincente di un neo-soul elettronico tendente al funk, ma influenzato dalle basse frequenze della club culture inglese, dalla dubstep alla deep house. Si sente che Nao è cresciuta professionalmente nella Londra di Burial e Jamie xx.
La sua voce è una sostanza leggera e volatile, ma allo stesso tempo potente e grintosa. Un brano come “Adore You” riporta alla memoria alcune delle migliori voci femminili del panorama inglese di qualche anno fa, da Sade a Kate Bush, ma potrebbe facilmente diventare una hit di oggi.
La traccia di chiusura, “Feels Like (Perfume)”, è una delle migliori del disco grazie al contrasto tra le delicate linee di piano tradizionali e i moderni elementi glitch, ma altrettanto riuscite sono “Get To Know Ya” e “DYWM”, che rinfrescano e attualizzano alcune caratteristiche dell’R&B.
Sul piano dei contenuti Nao offre una visione contemporanea dell’amore, attribuendo alla donna il ruolo di padrona del proprio destino e di figura dominante delle relazioni. È una sorta di rottura degli schemi, che lascia trasparire qua è là un’indole vagamente femminista, come in “Trophy”, e introduce una lucida forma di romanticismo disilluso, come in “Bad Blood”. Magari i testi risultano talvolta un po’ carenti, ma il mondo sonoro e vocale di Nao è così ricco e confortevole, che glielo possiamo facilmente perdonare.

Nao, For All We Know (Little Tokyo Recordings)

For All We Know (Little Tokyo Recordings)

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s