Darraje

Con la sua raffinata etichetta, The Trilogy Tapes, il dj e produttore Will Bankhead sta facendo un bellissimo lavoro di ricerca e sperimentazione con nomi noti e nuovi talenti, puntando molto sulla contaminazione fra generi e stili.
Lo dimostra Darraje, ep di quattro tracce che vede la collaborazione del collettivo tedesco Carl Gari con l’artista egiziano Abdullah Miniawy, in un emozionante progetto che mescola culture, linguaggi e storie molto diverse tra loro.
La triplice identità di Carl Gari, composta da Jonas Friedlich, Jonas Yamer e Till Funke e da loro stessi definita “psychedelic ghetto rave”, incontra il misticismo sufi del giovane cantante, poeta e musicista Abdullah Miniawy, creando un solido ma insolito ponte tra Monaco e il Cairo, tra la minimal techno e l’arabo classico, tra l’algida elettronica tedesca e il calore mediorientale.

Carl Gari & Abdullah Miniawy, Darraje (The Trilogy Tapes)

Darraje (The Trilogy Tapes)

Darraje è stato registrato nella capitale egiziana in pochi giorni, si capisce dalla coerenza sonora e dall’atmosfera costantemente scura e profonda. Per venticinque minuti scarsi il tappeto techno-ambient di Carl Gari si srotola sotto i versi sufi di Miniawy, rendendoli più potenti ed evocativi. In “Nayroz” s’intromette anche un malinconico sassofono, poi “Ya Wayni” diventa più movimentata, grazie alla ritmica essenziale e serrata della base che accompagna la performance vocale. Un consistente riverbero sembra trasmetterci le parole da un altro mondo, giocando con quel senso di straniamento che non ci abbandona mai.
La title-track è il momento più emotivo e commovente, mentre i quasi dodici minuti di “Al Weshaya” ci conducono in qualche caverna sotterranea a combattere con ansia e claustrofobia. La tensione è palpabile, forse per i ronzii, i rumori metallici o quel ticchettio inesorabile e continuo fino alla conclusione, mentre sullo sfondo una chitarra lotta per emergere e raggiungere anch’essa la dimensione mistica.
Breve ma molto intenso, un corto circuito che sarebbe interessante vedere dal vivo.

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s