Private Energy

Ci sono temi che mi stanno particolarmente a cuore, come quelli dell’identità, dell’accettazione di se stessi e degli altri, del rapporto con le proprie origini, della consapevolezza di sé. Il nuovo album di Roberto Carlos Lange aka Helado Negro, il quinto della sua carriera a questo nome, parla di questo e di altro ancora, e lo fa con un’eleganza straordinaria, leggera e profonda allo stesso tempo.
Private Energy, tutto scritto e prodotto dallo stesso Lange, è un disco originale e onesto, in parte registrato con musicisti in carne e ossa e in parte fatto di campionamenti, beat elettronici, suoni sintetici ed effetti. Da una traccia all’altra rimbalzano riferimenti e suggestioni provenienti dal passato e dal presente di Helado Negro, ma è forte la spinta verso il futuro e la scoperta di qualcos’altro.
La sua voce, ora in inglese ora in spagnolo, sempre adattando la grammatica e il lessico alle necessità musicali, si muove raffinata e sinuosa tra un genere e l’altro. L’elettronica alternativa di Helado Negro pesca dall’R&B, dall’hip hop e dall’indie rock, diventando un mix difficilmente classificabile ma efficace ed espressivo.
Come gli altri album, anche Private Energy è concepito come una sorta di pièce, imprescindibile dalla performance del collettivo di danzatori Tinsel Mammal, che si muovono sul palco completamente coperti da appariscenti costumi, realizzati con fitti fili d’argento. Sono la rappresentazione visiva del suono e accompagnano il pubblico a una comprensione più profonda e multisensoriale dei brani e dei testi, sempre molto intimi e personali. I Tinsel Mammal non richiamano nessuna forma umana, sono soltanto oggetti scintillanti che superano i concetti di genere e razza per esprimere con grande potenza comunicativa il tema centrale dell’album: l’amore per se stessi e l’orgoglio per quello che si è, per esempio in “Young, Latin and Proud” e “It’s My Brown Skin”, ma anche la costante tensione verso il cambiamento.

Private Energy (Ashmatic Kitty Records)

Private Energy (Ashmatic Kitty Records)

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s