Black Focus

Mentre il nuovo jazz americano si apre sempre più alla contaminazione fra generi, soprattutto hip hop ed elettronica, come ci insegnano i fantastici Robert Glasper e Kamasi Washington, la scena britannica non vuole certo essere da meno. D’altronde, i confini fra le diverse tribù sonore di Londra, cuore pulsante di un vivace melting pot musicale, sono sempre stati labili e variabili.
Solamente da Londra, e da nessun altro posto nel mondo, poteva venire il duo Yussef Kamaal, deciso a sporcare il raffinato jazz europeo con le vibrazioni ruvide, rumorose e gonfie di basse frequenze del sottobosco musicale della capitale inglese.
Black Focus, il nuovo album del tastierista e produttore Kamaal Williams (aka Henry Wu) e del batterista Yussef Dayes, entrambi nati nella South London, trae ispirazione dal funk-jazz degli anni Settanta e libera la loro voglia di sperimentazione. Il fulcro del progetto, concepito prima per essere una performance d’improvvisazione dal vivo, è il dialogo tra tastiere e batteria, nel quale s’inseriscono altri elementi, altri colori, altre possibilità di esplorazione nel tempo e nello spazio.
Le sessioni di registrazione in studio, mixate dal sapiente Malcom Catto degli Heliocentrics, sono dominate dal groove e dalla magnetica telepatia tra i due musicisti, che  s’intendono a occhi chiusi per accordi e strutture ritmiche. Se l’Afrobeat è lo spirito guida di Black Focus, una forte inclinazione cosmica ci spinge a chiudere gli occhi e lasciarci trasportare altrove.
Al groove della title-track, che apre il disco, non si può resistere, mentre è “Yo Chavez” a mostrare il lato scuro e riflessivo di Yussef Kamaal: due estremi di un lavoro importante, che potrebbe ispirare tanti ascoltatori – e pure tanti jazzisti più convenzionali – a cercare qualcosa in più del familiare, a scoprire la vita oltre lo standard.

Yussef Kamaal, Black Focus (Brownswood Recordings)

Black Focus (Brownswood Recordings)

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s