Blob On A Grid

I clown sono figure strane e spesso contraddittorie: ci fanno ridere a crepapelle, ma ci spaventano e rappresentano una delle forme più comuni del terrore collettivo. Il musicista Brian Esser, già nelle band newyorchesi Yip-Yip e Moon Jelly sembra essere affascinato proprio da questa doppia natura dei pagliacci, così nel suo progetto di elettronica sperimentale Cabo Boing riversa tutte le loro caratteristiche più assurde, come la comicità surreale, i colori sgargianti e le vocine modificate.
Nel suo nuovo album, Blob On A Grid, condensa questa fascinazione per l’arte della clowneria in dodici tracce per venti minuti scarsi, senza sprecare nemmeno un secondo. Lo scherzo comincia subito, dall’apertura di “Asleep In The Saddle”, che sarebbe la colonna sonora perfetta per una puntata dei Simpson nella quale Homer si aggira ubriaco, goffo e molesto su una nave da crociera, mentre soffre il mal di mare e tenta malamente di restare in piedi senza vomitare. Una scena divertentissima per chi la osserva da fuori, ma altrettanto spaventosa per il povero protagonista.
Tutti i pezzi, in particolare la title-track e “Nitwit Of Gizmo” mostrano una chiara predilezione per la scrittura pop, ma è come se l’autore fosse sotto l’effetto allucinatorio di qualche sostanza sintetica. È una musica leggera e multicolore, eppure mai facile e scontata, che risulta coinvolgente e accattivante ma contemporaneamente disturbante, strana e originale.
Complessivamente Blob On A Grid è una sequenza di scherzi ad alta energia, fatti di sintetizzatori che s’intrecciano e si piegano gli uni sugli altri, suoni che lasciano frastornati e incuriositi, voci surreali e frasi non-sense. È per questo che Cabo Boing risolve tutto in un arco di tempo così breve: ha imparato fin da bambino che uno scherzo è bello, quando dura poco.
Per i veri intenditori, l’album è disponibile anche su cassetta gialla con libretto dei testi.

Cabo Boing, Blob On A Grid (Haord Records)

Blob On A Grid (Haord Records)

Advertisements

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s