CTRL

La First Lady della Top Dawg Entertainment, Miss Solána Rowe aka SZA, si è finalmente presentata al mondo dell’R&B con un vero e proprio disco, intitolato CTRL, che sembra sfidare continuamente i confini del genere. Dopo i precedenti ep, S (2013) e Z (2014), quello che doveva essere il terzo capitolo della trilogia, A, si è trasformato in qualcosa di più, un album dalla forma matura e consapevole, capace di fare storia a sé e lasciare il segno nel pianeta della musica urban contemporanea.
Il titolo, CTRL, è già una manifestazione di intenti: SZA è pronta per prendere il controllo della propria vita come donna e come artista, senza scendere a compromessi, ma sempre con estrema onestà. Solána è se stessa, sempre, anche in quelle frasi volgari che esprimono i pensieri più dolci o in quelle espressioni da tastiera che diventano didascalie da social network.
Si tratta di un album languido e astuto, denso di sentimenti, che non può che trovare riferimento nel nuovo R&B di Frank Ocean e nel suo mondo profondamente emozionale. Le canzoni si sciolgono lente e delicate, morbide e avvolgenti, mostrando tutte le sfumature vocali di SZA, autrice e interprete versatile, capace di essere dolce e sensuale, ma anche potente e sicura, persino nell’affrontare temi intimamente femminili, come l’idea di donna alla quale vorrebbe corrispondere, l’autostima da costruire con il coltello fra i denti, la giovinezza e le sue qualità, destinate a passare inesorabilmente e quindi da vivere in pieno finché si può.
In “Normal Girl” Solána canta il tentativo di corrispondere ai desideri del suo ragazzo, quando scopre di non essere l’unica per lui, mentre “Love Galore” (con la partecipazione di Travis Scott) racconta la battaglia tra due amanti che non si vogliono davvero eppure non riescono a lasciarsi. La chitarra protagonista in “Drew Barrymore” e il beat di “Prom”, il pezzo più riuscito, confermano la varietà sonora di CTRL e l’intelligenza creativa di SZA, avvantaggiata da un team di produttori stellare e da alcuni contributi di primo piano, come  quelli di James Fauntleroy in “Wavy (Interlude)”, Isaiah Rashad in “Pretty Little Birds” e Kendrick Lamar in “Doves With The Wind”. Una vera e propria benedizione da parte di colui che oggi incarna l’essenza della musica nera.

SZA, CTRL (Top Dawg Entertainment/RCA)

CTRL (Top Dawg Entertainment/RCA)

Advertisements

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s