Witness

Il movimento Black Lives Matters ha avuto la forza di risvegliare la coscienza politica di tanti giovani afroamericani, che si sono scoperti sfiniti e arrabbiati da un sistema che li ha sempre considerati come cittadini di seconda categoria.
Il cantautore Benjamin Booker, anch’egli giovane e afroamericano, si è sentito profondamente coinvolto da quella spinta all’attivismo, ma in un momento creativo per lui non troppo felice. Sentendo di aver perso le proprie canzoni, nel 2016 è partito alla volta del Messico per lavorare come barista e cercare alcune risposte alle proprie domande di uomo e di artista. Di ritorno a New Orleans dopo qualche mese, Booker aveva in mano le dieci canzoni originali per il suo secondo album, Witness, che in poco più di mezz’ora riesce a comunicare con grande forza tutti i sentimenti, le frustrazioni, la rabbia e le speranze dei suoi coetanei afroamericani. Per esempio, “The Slow Drag Under” tocca il tema dell’isolamento in una società assente per tanti, mentre “All Was Well”, che chiude il disco, racconta il risveglio di quella consapevolezza politica capace di portare alla partecipazione attiva e al desiderio di cambiamento.
Benjamin Booker, con la sua voce ruvida ed emozionante, è un bluesman consumato del nostro tempo, che mescola con naturalezza ed efficacia retro soul, garage rock e gospel, svelandoci nuove sfumature e possibilità espressive della black music. Il filo conduttore è la sua chitarra elettrica, grezza ed essenziale, che funziona al meglio proprio quando suona con semplicità.
“Right On You” potrebbe essere lo sfogo punk di Otis Redding, mentre “Believe” è una ballata dolcissima e romantica. Ma il pezzo forte di Witness è proprio la title-track, un gospel appassionato e potente, cantato con la grandissima Mavis Staples. Il testimone è lo stesso Benjamin Booker, che ha assistito all’epifania politica della sua generazione e si presenta al banco per riportarla a quella società che deve essere rovesciata, con la ferma volontà di essere parte attiva del cambiamento.

Benjamin Booker, Witness (ATO Records)

Witness (ATO Records)

Advertisements

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s