Deva Mahal

È arrivato novembre, il mese dei morti, il mese più grigio dell’anno. Per portare un po’ di luce sui pensieri bui che mi accompagnano all’inverno – non ci posso fare niente, sono una creatura estiva – vado a cercare conforto nella musica, sperando di incontrare canzoni luminose, artisti brillanti, album pieni di sole.
Per caso mi imbatto nell’ep di debutto – omonimo – di Deva Mahal: solamente tre tracce che anticipano l’imminente full-lenght d’esordio, Run Deep, della cantautrice newyorchese di origine hawaiana (è nata a Maui). La copertina, seppur nello striminzito formato digitale, cattura subito la mia attenzione con i suoi colori vivaci e lo sguardo profondo della stessa Deva, giovane e fiera, con gli occhi puntati verso un orizzonte lontano… Ecco le vibrazioni positive che sto cercando!
Tre brani sono pochi, accidenti, ma sono sufficienti a rendere l’idea della scrittura efficace di questa artista e, soprattutto, della sua straordinaria vocalità, potente e versatile come le grandi voci soul e R&B alle quali si ispira, da Al Green a Lauryn Hill, passando per mille nomi altrettanto importanti. Influenze disparate quelle di Deva Mahal, che contribuiscono a rendere la sua musica classica e moderna allo stesso tempo. “Run Deep” guarda all’hip hop attraverso la partecipazione della rapper, musicista e producer californiana Coco Peila, assolutamente travolgente, mentre “Snakes” evoca i canti delle piantagioni e la loro potenza spirituale. Infine, “Take A Giant Step” è una splendida ballad, romantica ed emozionante.
Partendo da un concetto semplice ma assolutamente vero, cioè che ognuno di noi può trovare la forza nelle proprie fragilità, le canzoni muovono l’animo dell’ascoltatore grazie alla loro ricchezza sonora, alla voce e all’interpretazione onesta di Deva, che canta di amore e di dolore e del coraggio necessario a superare le difficoltà.
Dopo questo biglietto da visita, bellissimo ma troppo breve, non mi resta che attendere con trepidazione l’album vero e proprio: allora sì, che potrò affezionarmi incondizionatamente alla voce di Deva Mahal.

Deva Mahal EP (Motéma Music)

Deva Mahal EP (Motéma Music)

Advertisements

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.