Book of Sound

Nascere e crescere in una famiglia musicale è una delle più grandi fortune che possa capitare a un individuo, non solo perché la musica regala emozioni speciali e arricchisce mente e spirito, ma anche perché insegna impegno e disciplina, una disciplina interiore in grado di sostenere l’intero cammino della vita.
I sette figli del trombettista Phil Cohran, pioniere del jazz astrale e icona della cultura afroamericana di Chicago, hanno avuto l’enorme fortuna di essere guidati dal loro padre alla scoperta del jazz per diventare tutti insieme una delle migliori formazioni della scena mondiale: l’Hypnotic Brass Ensemble.
Da poco è uscito l’ultimo album del gruppo, Book of Sound, il primo dalla scomparsa del genitore, avvenuta nel febbraio 2017. Proprio per le condizioni che hanno accompagnato la sua realizzazione – la malattia di Phil Cohran – il disco suona come una sorta di omaggio all’eredità musicale ricevuta in dono dai fratelli, un’opera coesa ma estremamente varia, contemplativa e funk allo stesso tempo, che attraversa temi impegnativi e universali come la scienza e la religione, la storia e la discendenza, l’universo e l’essere umano.
Nonostante l’assenza di batteria e percussioni, il ritmo non manca affatto, anzi, il vuoto lasciato dai tamburi apre lo spazio a un’ampia tavolozza sonora, fatta di chitarre acustiche, sintetizzatori, fiati diversi come ottavino e sax alto. A infondere grande calore sono le linee vocali, splendidamente intrecciate.
Registrato tra Brooklyn e Chicago, Book of Sound resta un album profondamente legato alla città di origine della famiglia Cohran. Non solo, come ricorda il trombettista dell’ensemble Cid Cohran, è ispirato dalle vibrazioni del lago e dalle praterie che si aprono a ovest, ma soprattutto ritrova lo spirito dei dischi della Sun Ra Arkestra degli anni Cinquanta e dello stesso Phil Cohran degli anni Sessanta.
Il più grande rammarico dei fratelli è che il padre fosse troppo malato per poter suonare nelle undici tracce, ma possono essere certi di avere reso onore alla sua straordinaria eredità musicale.

Hypnotic Brass Ensemble, Book of Sound (Honest Jon's)

Book of Sound (Honest Jon’s)

Advertisements

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.