Knock Knock

Ci sono giorni faticosi, quelli che ti fanno pensare a quanto vorresti chiudere gli occhi ed essere altrove, senza preoccuparti dell’imminente domani per vivere un infinito oggi. Quell’altrove per me assomiglia moltissimo al mondo sonoro di Knock Knock, l’ultimo album di Dj Koze – nome d’arte del produttore Stephan Kozalla da Amburgo, Germania – e al suo straniante e colorato mix di elettronica e pop.
Dopo gli inizi della sua attività musicale con la band hip hop Fischmob, nei primi anni Novanta, e con il supergruppo elettro-funk degli International Pony, Dj Koze ha spiccato il volo come dj e produttore, pubblicando una lunga serie di remix e singoli e una manciata di dischi, l’ultimo dei quali risale al 2013, Amygdala.
Nel frattempo ha continuato a esplorare le vaste lande, tutt’altro che deserte e desolate, della musica elettronica e delle sue possibili emanazioni, attraversando confini di genere e mescolando stili e influenze per creare spazi sonori ricchi di elementi eppure ampi e ariosi con un orecchio alla melodia e l’altro al dancefloor.
Il primo singolo estratto da Knock Knock, intitolato “Pick Up”, è una sorta di manifesto dell’intero album, nonché la traccia più riuscita: una linea melodica semplice ed efficace su un malinconico loop campionato da una canzone della cantante soul Gladys Knight.
Le chitarre funk di “Colors of Autumn” disegnano uno sfondo brillante per la voce piena di soul di Speech degli Arrested Development, mentre in “Bonfire” prevale la malinconia attraverso il sample di una voce totalmente diversa, quella di Bon Iver, incastrata su riff acidi e scuri strati di synth.
Non mancano gli ospiti importanti, come l’inconfondibile Roísín Murphy, il cantautore e svedese José Gonzáles e l’elegante Sophia Kennedy, per un disco strano eppure assolutamente pop, dove entrambi gli aggettivi assumono una connotazione del tutto positiva.

Dj Koze, Knock Knock (Pampa Records)

Knock Knock (Pampa Records)

Advertisements

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.