The Return

In molti ci siamo innamorati di Black Focus (2016), il primo – e ultimo – disco del duo jazz britannico Yussef Kamaal, composto dal tastierista e produttore Kamaal Williams (aka Henry Wu) e dal batterista Yussef Dayes, e in molti ci siamo rammaricati alla notizia della precoce chiusura del progetto.
A consolarci, arriva oggi l’album solista di Kamaal: The Return. Nonostante l’assenza di Dayes, titolo e copertina chiariscono subito che si tratta della naturale evoluzione del precedente lavoro, ovvero la stessa base di raffinato jazz cosmico e visionario, sporcato dalle sonorità urbane e cosmopolite della South London. Una tessitura coinvolgente, che impiglia l’ascoltatore nella sua trama di suoni e colori provenienti dall’underground della capitale inglese, crocevia di culture e laboratorio di contaminazione musicale.
Il brano di apertura, “Salaam”, con le sue delicate tastiere e l’andamento morbido, conferma che non ci sono stati grandi cambiamenti. Restano la fascinazione per l’R&B degli anni Settanta e la passione per il funk, evidente nel groove irresistibile di “Broken Theme”, “High Roller” e “Rhythm Commission”, mentre “LDN Shuffle” incrocia l’improvvisazione jazz con la graffiante energia della chitarra elettrica di Mansur Brown.
Ad accompagnare Kamaal Williams in questo viaggio di ritorno sono Pete Martin al basso e MckNasty alla batteria, capaci di interpretare al meglio la filosofia del produttore e tastierista, che qui si dimostra una volta di più anche meraviglioso arrangiatore.
Se vi stavate chiedendo quale atmosfera si respiri nella Londra del 2018, questo album fotografa perfettamente il momento attuale: una giovane comunità musicale, disposta a lasciarsi influenzare da stimoli di ogni genere, si sta compattando intorno alle nuove tendenze globali, senza dimenticare la grande eredità jazz europea. Per fortuna, nella musica non ci sono confini.

Kamaal Williams – The Return (Black Focus)

The Return (Black Focus)

Advertisements

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.