Paraffin

Quando ormai sembrava giunto il momento della resa a un mondo dominato dalla trap, ecco una luce in fondo al tunnel, bella e potente. La nostra schiera di non-giovani nostalgici fan della vecchia scuola dell’hip hop, e magari anche del conscious rap, può attaccarsi a Paraffin, il nuovo disco di Armand Hammer, e sentirsi al sicuro.
Il duo newyorchese, formato da billy woods ed Elucid, propone le proprie riflessioni su che cosa significhi essere afroamericani oggi negli Stati Uniti, un luogo che non è mai stato troppo ospitale con la comunità nera e di questi tempi sta disimparando a vergognarsene. Tuttavia, non si tratta di un disco esplicitamente contro Trump o contro l’attuale fase politica, ma di una meditazione estesa sulla progressiva perdita di umanità di una società intera. Sono tracce scure e intense, che ti avvolgono e ti costringono all’inquietudine come la foto in copertina, scattata da Alexander Richter: difficile sostenere quello sguardo di madre, pieno di rabbia e dignità, e difficile anche pensare di avere la stessa schiena dritta e la stessa dolcezza insieme.
La consolidata collaborazione tra Elucid e billy woods ci riporta allo stile della New York underground di fine anni Novanta e primi Duemila, nel regno del boom-bap e dei beat gonfi e rumorosi. Le voci si spingono in una dimensione chiassosa e caotica, le basi sorprendono con le loro distorsioni, interruzioni e dissolvenze, creando un’atmosfera talvolta angosciante ed emotivamente densa.
La produzione di Paraffin, concepito soprattutto per la fruizione su vinile, è firmata da Elucid con i sostanziosi contributi di Messiah Musik, Small Pro, August Fanon, Oblihv, Kenny Segal e Willie Green, che ha anche mixato e masterizzato l’intero album. Album che va ascoltato dall’inizio alla fine, soffermandosi sulle storie crude e reali che racconta e sulla necessità di indignarsi ancora, da soli e tutti insieme, per i singoli episodi e per la drammatica situazione generale.

Armand Hammer, Paraffin (Blackwoodz Studios)

Paraffin (Blackwoodz Studios)

Advertisements

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

1 Response to Paraffin

  1. Pingback: The Great Mixtape Top Five #29 | thegreatmixtape

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.