Overload

Musica soul d’avanguardia dall’anima classica, questa è la definizione che potremmo dare a quanto fatto nella sua prolifica carriera dalla splendida Georgia Anne Muldrow, mai abbastanza famosa presso il grande pubblico, ma giustamente amatissima da tanti suoi colleghi, come Ali Shaheed Muhammad di A Tribe Called Quest, Mos Def, Erykah Badu, Dev Hynes aka Blood Orange, Bilal, Robert Glaser e Flying Lotus, che ha prodotto il suo nuovo album, Overload, con la propria etichetta Brainfeeder.
Autrice originale e straordinaria cantante, ma anche notevole musicista e produttrice di talento, Georgia Anne Muldrow si muove tra jazz, soul e hip hop come una sirena tra i flutti.
Dopo anni di lavoro in solitaria – era da Seeds (2013), prodotto da MadLib, che faceva tutto da sé – l’artista californiana ha aperto Overload a molteplici collaborazioni, realizzando un album interessante e sperimentale come sempre, ma allo stesso tempo più pop. Per esempio, il duo Mike & Keys ha prodotto quattro tracce del disco, compresa la potente title-track insieme a Dj Khalil, mentre Dutchman Moods e Lustbass hanno messo le loro manone rispettivamente sul soul psichedelico di “Aerosol” e sul funk in slow-motion di “Vital Transformation”. Sentiamo anche altre voci: quella di Shana Jenson Muldrow su “You Can Always Count On Me”, cover di un classico della Gap Band, e quella di Dudley Perkins su “These Are The Things I Like About You”.
Anche in Overload, come in passato, Georgia Anne Muldrow ritorna su alcuni temi per lei fondamentali come amore, spiritualità e autodeterminazione, ma non ha paura di affrontare questioni politiche e sociali di stringente attualità, come le gravi discriminazioni subite dalle minoranze negli Stati Uniti. “Blam”, per esempio, è un pezzo potente sulla necessità della comunità afroamericana di difendersi sempre e comunque, dalla violenza fisica e verbale, dagli stereotipi, dalle disuguaglianze: “Before I’ll be a slave, I’ll be buried in my grave”.
Grazie a una scrittura efficace e diretta e a una sensibilità musicale unica, Georgia Anne Muldrow ci regala un altro capolavoro. Overload disegna la black music del futuro – soul d’avanguardia, si diceva all’inizio – senza perdere la forza delle radici e l’anima dei grandi classici del blues, del gospel e dell’R&B.

Georgia Anne Muldrow, Overload (Brainfeeder)

Overload (Brainfeeder)

 

Advertisements

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

1 Response to Overload

  1. Pingback: The Great Mixtape Top Five #29 | thegreatmixtape

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.