In A Galaxy

Un pugno dorato s’innalza davanti a una grande luna porpora, circondata di fiori e piante multicolori all’interno di un paesaggio non meglio identificato. La copertina di In A Galaxy, il nuovo album della cantautrice Rina Mushonga, metà olandese e metà zimbabwiana, ora trasferitasi nel sobborgo londinese di Peckham, esprime chiaramente gli assi portanti di questo lavoro: da un lato, la conquista di una solida consapevolezza come artista e, dall’altro, la tante influenze culturali assorbite negli anni e, soprattutto, nell’ultimo periodo vissuto nella vivace e multietnica South London.
Attraverso le dodici tracce del disco, Rina Mushonga riesce a trasformare i piccoli eventi e lo scorrere incessante della vita quotidiana in una sorta di viaggio interstellare ispirato prevalentemente al synth pop degli anni Ottanta, ma anche alle recenti tendenze dell’indie e dell’electro.
L’apertura di “Pipe Dreamz” è un chiaro invito a chiudere gli occhi e perdersi nel mondo dei sogni con leggerezza e voglia di giocare. L’atmosfera rarefatta e onirica, fatta di suoni delicati, avvolge ed esalta una vocalità raffinata e avvolgente, piena di soul. La title-track è anche una sorta di manifesto dell’album: guardando persino alla dubstep e mescolando serenamente campioni di flauto e vocoder, Rina Mushonga esprime con forza il desiderio di diversità e la totale noncuranza per le etichette e i confini di genere. Efficace e altrettanto rappresentativa è “4Qrtrs”, la canzone dedicata a Peckham e alle sue strade brulicanti di gente diversa, un’esplosione di umanità e di vibrazioni positive. A chiudere con enfasi è “Jungles”, rincorsa finale con tanto delay sulla voce, trascinata da beat incalzanti e ritmiche serrate.
Una nota di merito anche al produttore Brett Shaw (già al lavoro con Florence and the Machine e Lady Gaga, giusto per citare un paio di nomi), che ha saputo valorizzare al meglio la personalità multiforme di Rina Mushonga e dare coerenza alle mille contaminazioni del suo variopinto e affascinante mondo musicale.

Rina Mushonga, In A Galaxy (PIAS)

In A Galaxy (PIAS)

Advertisements

About claudiagalal

Fifty Italian, fifty Egyptian, vegetarian, music and gigs addicted.
This entry was posted in Music and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.